Guida di viaggio a Marrakech: dove dormire + cosa mangiare + cosa vedere

Sono appena tornata da Marrakech e la prima cosa che voglio fare è raccontarti di questa città, svelandoti i posti che più mi sono piaciuti.

Marrakech è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita, senza dubbio una delle mete più affascinanti ed interessanti dell’ Africa settentrionale. Il clima africano ti permette di poterla visitare tutto l’anno, d’estate è molto calda, d’inverno è mite. Nei vicoli e nelle piazze della città, dove è possibile imbattersi in incantatori di serpenti, artisti di strada e tatuatori di hennè la vita scorre vivace. Entrare nella Medina, la città antica, è come fare un viaggio nel viaggio. Qui i vicoli sono molto stretti, attaccati tra loro, senza indirizzi e senza cartine dettagliate, un vero e proprio labirinto che non è niente in confronto al Souk, il mercato di Marrakech. Un’accozzaglia azzardata di qualsiasi cosa ti venga in mente, senza nessun prezzo apparente poiché la contrattazione è l’elemento fondamentale della città. Dove dormire? Cosa vedere? Dove mangiare? Io e Mario abbiamo fatto un tour di dieci giorni, visitando alcuni dei luoghi più caratteristici della città.

 

Dove dormire: a Marrakech ci sono tantissimi alberghi ma il mio consiglio è quello di soggiornare almeno per una notte in uno dei moltissimi riad che popolano la città. Si tratta di una dimora personale ristrutturata e trasformata in un’accogliente residenza turistica, in pieno stile marocchino. Ne troverai di semplici ed economiche ma anche di super lusso.

Dar Darma: impossibile non innamorarsi di questo riad nel cuore della Medina. Una dimora privata che offre un’atmosfera di lusso privata e rilassante tra suite, aree relax e terrazze con vista.

Le Jardins della Medina: hotel a cinque stelle al centro della città vecchia che, a parer nostro, dispone di uno dei giardini più belli di Marrakech tra palme e cactus a bordo piscina. Da provare anche il ristornate dell’hotel.

La Sultana: senza dubbio uno dei luoghi più lussuosi di Marrakech, colmo di storia. Composto da 5 riad distinti, distribuiti in in un lussuoso labirinto tra giardini e camere nascoste.

Jnane Tamsna: un’oasi di relax al di fuori del caos della Medina. Questo hotel si trova all’interno del palmento di Marrakech a circa 15 minuti di auto dal centro della città. Un vero villaggio di lusso composto da 24 grandi stanze posizionate tra nove ettari paesaggistici all’interno di una tenuta privata. 5 piscine, un campo da tennis e un ristorante tra la natura da provare.

 

Cosa vedere: se ti trovi a Marrakech non puoi non fare un salto nel deserto. La meta più vicina è Zagora, a circa 5 ore di macchina dalla città ma i più avventurieri possono addentrarsi nel deserto fino a Merzouga. Il nostro driver e agente di viaggio Ali Bourki ci ha organizzato due giorni da favola nel deserto, facendoci dormire in una tenda berbera, tra dromedari e cena tipica sotto alle stelle. Voto 10 e lode, assolutamente da provare. Puoi sbirciare tutte le tappe su Adventure Morocco Tours. Nel centro di Marrakech sono invece da visitare assolutamente i giardini Majorelle, Il Souq e Le Jardin Secret.

 

Come muoversi: se vuoi visitare la Medina il nostro consiglio è quello di muoverti a piedi anche perché, spesso, nel centro della città vecchia le auto non possono entrare a causa dei vicoli troppo stretti. Per muoverti al di fuori della Medina potrai chiamare un taxi (vi giuro che c’è l’imbarazzo della scelta) o noleggiare un’auto, meglio se prenotata on-line prima di partire.

 

Cosa fare e dove mangiare: un’alta cosa da mettere in lista è il giro in mongolfiera all’alba con partenza alle 5.30 del mattino, colazione tipica in tenda berbera e passeggiata sul dromedario che puoi trovare navigando su Tripadvisor. In quanto a cucina marocchina a Marrakech c’è di nuovo l’imbarazzo della scelta: tieniti lontano dai ristoranti che trovi nella piazza principale Jemaa el fna, troppo commerciali e di poca qualità. Da privilegiare i ristornati tipici nei vicoli della Medina. Impossibile non innamorarsene.

 

To do list: tatuaggio all’hennè ma tieniti alla larga dalle tatuatrici nella pizza Jemaa el Fna che ti chiederanno un sacco di soldi per niente, assaggiare il Tajine di pollo o agnello, visitare la boutique di kaftani della stilista Norya Ayron, dormire in tenda nel deserto, passeggiare per il souk mangiando frutta disidratata e datteri, concederti un trattamento benessere in Hammam.

 

  • Be Marrakech Riad
  • Stefania at Be Marrakech Riad
  • La Sultana Hotel
  • La Sultana Hotel Spa
  • La Sultana Hotel
  • Lunch in Marrakech
  • Medina Marrakech
  • Souk Marrakech
  • Medina Marrakech
  • Les Jardins de la Medina Riad
  • Stefania at Les Jardins de la Medina Riad
  • Les Jardins de la Medina Riad
  • Stefania & Mario at Les Jardins de la Medina Riad
  • Restaurant at Les Jardins de la Medina Riad
  • Jnane Tamsna
  • Jnane Tamsna
  • Stefania at Jnane Tamsna
  • Dar Darma Riad
  • Dar Darma Riad
  • Zagora Desert

 

Ti potrebbe interessare anche…

PHOTOSHOP: IL BISTURI 2.0 AL SERVIZIO DEL WEB

BEBE VIO E SORGENIA: ENERGIA E SFIDA PER IL FUTURO

BOMAKI: DOVE MANGIARE NIPPO-BRASILIANO A MILANO


FOLLOW ME ON: ► INSTAGRAM  ► FACEBOOK ► TWITTER


Articoli Correlati