Moda e trend: perché seguiamo la moda anche quando non ci piace

perchè seguiamo la moda

Ogni stagione, puntuali come un orologio svizzero, le donne (ma anche gli uomini!) iniziano a consultare riviste, blog e siti web di vario genere per informarsi su tutte le novità relative a moda e trend. Quali colori saranno protagonisti? E quali grandi ritorni sono previsti? Le sfilate sono un punto di partenza ma è sul campo che inizia la ricerca per rinnovare il guardaroba.

Anno dopo anno gli stilisti non sanno più cosa inventare. Capi nuovi che in realtà sono spesso visti e rivisti. Il fashion system non perdona e quel tocco di innovazione stravagante o a volte semplicemente brutto deve esserci. Stare al passo con moda e trend può diventare impegnativo nonché dispendioso: hai svuotato i cassetti per verificare cosa possiedi già? La sindrome da accumulo dettata da ossessione per abiti e accessori è dietro l’angolo.

Eppure molte volte, pur di essere trendy & cool, si è disposti a indossare qualcosa che mai si sarebbe pensato. Ricordi quando promettevi a te stessa che non avresti mai più messo un choker intorno al collo superata l’adolescenza? Sono certa che anche tu, durante l’inverno appena trascorso, ne hai comprato almeno un paio e magari uno l’hai riesumato dal passato.

Insomma, siamo onesti: moda e trend ci affascinano, li giudichiamo e non battiamo ciglio quando c’è da imitarli, anche se non ci piacciono.

La fashionista per eccellenza non sempre guarda in faccia il buon gusto! Sabot con plateau? Come non averli! Pelliccia leopardata? Imperdibile. Bustino per stringere la vita? A costo di non respirare per tre giorni.

C’era gente che già negli ’70 giurava che non avrebbe mai più indossato i pantaloni a zampa ma inspiegabilmente, ogni volta che questi tornano di moda si materializzano negli armadi. Ciò che viene considerato fashion ha il potere di piacere anche se è oggettivamente pessimo. Diciamo la verità, c’è gente che su questo ha costruito intere carriere o chi, meteora dell’universo patinato, ha saputo cogliere il momento e sbancare. Ricordi le felpe Guru con la margherita gigante o le magliettine Onyx con la bambolina bionda?

Durante l’età adulta diventare fedeli seguaci di ogni moda e trend che compaia sul mercato potrebbe causare la lacrimazione del portafoglio. God save the mass market, è il caso di dirlo! Quanto meno, per ammortizzare i costi ci sono pur sempre Zara ed H&M che con pochi euro ti consentono di avere il capo all’ultimo grido (grido di terrore misto a imbarazzo!). Quando il prossimo anno ti domanderai sotto effetto di quale droga hai acquistato cotanta bruttezza, ricordati di quando solo pochi mesi prima sfogliavi con avidità qualunque magazine ti capitasse a tiro.

Il motivo di fondo per cui si cede anche a ciò che è molto distante dalle proprie preferenze è senza dubbio il desiderio di non essere etichettati come sfigati. È quel senso di appartenenza che soprattutto le donne, quando si parla di moda, si portano dietro fin da piccole. Non è mia intenzione dibattere sul concetto di omologazione ma ricordati che, scegliere un maxi piumino bianco per andare a sciare a Cortina solo perché visto addosso a una star, non ti renderà più simile a Rihanna quanto…a una torta alla panna!

 

Ti potrebbe interessare anche…

P/E 2017: METTETE DEI FIORI SUI VOSTRI VESTITI

ANNI ’90: LA MODA CHE RITORNA E AFFASCINA

BOMAKI: DOVE MANGIARE NIPPO-BRASILIANO A MILANO


FOLLOW ME ON: ► INSTAGRAM  ► FACEBOOK ► TWITTER

Photo: Veronica Vetrila 

 


Articoli Correlati